Il grande successo dei cibi superfood in Italia.

Pubblicato in Eventi e novità

In natura esistono dei cibi che possono aiutare l'uomo a vivere meglio e più a lungo. Questi particolari alimenti si chiamano Superfood e sono talmente ricchi di proprietà salutistiche da essere stati definiti super alimenti. Per la maggior parte si tratta soprattutto di frutta, bacche, spezie e semi che contengono numerosi principi attivi molto interessanti ed utili per la salute umana. La lista di questi alimenti è in continua evoluzione, in quanto la scienza alimentare scopre quasi ogni giorno nuovi principi antiossidanti e nutrienti contenuti dentro questi particolari cibi.

I superfood sono in grado ad esempio di contrastare l'invecchiamento cellulare, alcuni possiedono proprietà antitumorali, e altri ancora prevengono l'insorgere di malattie cardiovascolari e aiutano persone che soffrono di problemi della pressione arteriosa. Tutti questi effetti benefici sono ottenuti grazie alla presenza di antiossidanti, principi nutritivi e minerali di cui sono ricchi questi alimenti, ed è proprio per questo, che riscuotono sempre più consensi da parte della popolazione italiana, sempre più attenta a ciò che mangia e a quello che porta in tavola.

Ecco una breve presentazione di alcuni cibi superfood più studiati e attualmente conosciuti:

Mirtillo.

Possiede varie proprietà tra le quali le più importanti sono alcuni flavonoidi che aiutano a rallentare l'invecchiamento, prevenendo così i danni dei radicali liberi grazie alla loro potente azione antiossidante. Il mirtillo è inoltre famoso anche per il benessere degli occhi; durante la seconda guerra mondiale, i piloti della British Royal Air masticavano spesso mirtilli per migliorare la loro visione notturna durante i bombardamenti.

Melograno.

I suoi chicchi sono un'eccellente fonte di vitamine e minerali. Questo frutto contribuisce in poco tempo ad abbassare la pressione sanguigna e a ridurre lo stress ossidativo nelle persone sane. Favorisce inoltre la riduzione dell'accumulo di liquidi in eccesso, contrastando il senso di gonfiore e di pesantezza.

Barbabietola.

Anche la barbabietola rientra nei cibi superfood sia per le sue proprietà protettive del muscolo cardiaco, sia perchè abbassa la pressione sanguigna e la tendenza alla coagulazione del sangue nell'uomo. 

Cacao.

Alimento molto apprezzato per la sua grande capacità di ridurre il rischio di malattie cardiache, contribuendo ad abbassare la pressione sanguigna ed aumentare l'elasticità dei vasi sanguigni.

Tè verde.

Esercita la maggior parte dei suoi benefici attraverso i polifenoli soprattutto catechine. La sua assunzione favorisce una buona circolazione sanguigna, una riduzione del colesterolo in eccesso e a numerosi altri effetti cardioprotettivi e neuroprotettivi. 

Peperoncino.

Il peperoncino contiene una sostanza particolare chiamata capsaicina, nota per le sue proprietà dimagranti, che agisce riducendo lo stimolo dell'appetito, sia sull'aumento del metabolismo energetico verso l'utilizzo dei grassi piuttosto che dei carboidrati. 

Ginkgo Bilboa.

Nelle persone affette dalla forma secca di degenerazione maculare, contribuisce a migliorare la visione e la circolazione nell'arteria oftalmica.

Bacche antiage.

Sono dei piccoli e colorati frutti altamente nutrienti e ricchi di potenti antiossidanti in grado di ridimensionare l'azione dannosa dei radicali liberi che danneggiano le nostre cellule portando all'invecchiamento precoce e alle malattie degenerative. 

   

 

Leggi tutto...

Un Natale all'insegna della cucina Made in Italy si è da poco concluso.

Pubblicato in Eventi e novità

Quest'anno l'agroalimentare è una delle voci di budget più importanti che le famiglie italiane stanno destinando alle feste di fine anno, con una spesa complessiva di 4,8 milioni di euro per imbandire le tavole del Natale e del Capodanno.

In questo particolare periodo di festività, la maggior parte della spesa alimentare è stata dedicata al pranzo di Natale che l'86% degli italiani ha voluto trascorrere a casa consumando un menù fortemente legato alla tradizione culinaria Made in Italy.  Lo dimostra il fatto che il 90% dei cittadini dello Stivale ha portato in tavola lo spumante, seguito dal panettone, che ha avuto maggior successo rispetto al pandoro. 

La frutta locale ha battuto notevolmente quella esotica o fuori stagione; ma la vera novità di quest'anno è stata l'arrivo nel piatto dei cosiddetti superfood, ai quali sono associate specifiche proprietà salutistiche. Più di un italiano su quattro li ha serviti in tavola con una tendenza positiva a riscoprire quelli della "nonna."

Qualche giorno fa si è anche assistito ad una fortissima attrazione verso il fai da te casalingo, con ben il 48% delle famiglie che ha preparato e cucinato in casa un dolce tipico natalizio. 

Per il Made in Italy alimentare è record storico sulle tavole delle festività anche all'estero con l'export di vini, spumanti, grappe e liquori, panettoni, formaggi e salumi, che solo per il periodo di Natale ha superato i 3,5 miliardi di euro.

Ad aumentare è anche il valore delle esportazioni di tutti i prodotti tipici delle festività natalizie, come, ad esempio lo spumante, i panettoni, i vini italiani, i salumi e i formaggi, le grappe e i liquori.

Tutto questo rappresenta un'ottima premessa per l'arrivo del 2018 che è stato proclamato l'anno internazionale del cibo italiano nel mondo, al quale l'Italia si presenta con la mappa dei tesori dell'economia locale che può contare su 5.047 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle varie regioni, ottenuti secondo il rispetto di regole tradizionali protratte a lungo nel tempo, 292 specialità DOP / IGP riconosciute a livello comunitario e 523 vini DOC / DOCG / IGT ma anche con il primato Green delle quasi 60.000 aziende agricole biologiche in Europa e la scelta di vietare le coltivazioni OGM a tutela del patrimonio della biodiversità. 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS