La colazione? E' meglio non saltarla.

Pubblicato in Eventi e novità

Gli italiani, sempre attenti alla salute e a curarsi dalle intolleranze alimentari del nuovo millennio, fanno fatica a rinunciare ad una prima colazione sana, lenta e casalinga. 

E fanno bene, dato che questa rappresenta il pasto più importante della giornata: si tratta del primo cibo che ingeriamo dopo le molte ore di digiuno notturno. 

Secondo recenti studi, chi la consuma regolarmente presenta livelli di colesterolo e di pressione sanguigna più bassi della media. Al contrario, chi la salta è più soggetto al rischio di obesità e diabete.

La colazione non è importante solo per mantenersi in forma, ma anche perchè limita le variazioni glicemiche, migliora le performance cognitive ed è uno degli elementi fondamentali per un corretto stile di vita, specialmente dei più piccoli. Ma cosa amano mangiare i nostri connazionali appena svegli? 

A rivelarlo ci ha pensato Cortilia, la piattaforma specializzata nella vendita e distribuzione online di prodotti alimentari freschi a filiera corta, che ha indagato le abitudini alimentari dei propri iscritti in tema di prima colazione.

Dall'analisi dei dati raccolti, emerge che gli italiani non possono proprio rinunciare al latte vaccino o vegetale (37%) allo yogurt (35%), alla frutta fresca ( 31%) e ad una fetta di pane tostato, mentre i cereali faticano ancora a trovare spazio all'interno delle nostre abitudini, anche se si riscontra che una buona parte del campione di soggetti intervistati (35%) vorrebbe aumentarne il loro consumo. Per questo, alimenti come i semi di lino, le gemme di grano e i semi di chia, attirano l'attenzione degli intervistati per una loro prima sperimentazione durante il pasto mattutino.

Non meno importante è la colazione dei più piccoli: per i bambini la giusta carica di energia si dà con una fetta di pane e marmellata, oppure con yogurt e frutta fresca. Ma per fornire una colazione ancora più salutare e completa ai propri figli, latte e cereali possono essere arricchiti con l'aggiunta di frutta secca. Inoltre, c'è anche un buon 13% del panel che dichiara di preparare loro una fetta di pane integrale con il formaggio spalmabile, da accompagnare ad un succo di frutta oppure ad una spremuta fatta in casa

 

 

Leggi tutto...

I bambini italiani sono i più obesi d'Europa.

Pubblicato in Eventi e novità

Nonostante i miglioramenti registrati rispetto a una decina d'anni fa, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l'Italia risulta ancora presente nella classifica dei peggiori Paesi europei per obesità infantile. Secondo il sistema di monitoraggio, il 21% dei minori italiani è obeso o in sovrappeso. Un allarme sociale che riguarda il 42& dei maschi e il 38% delle bambine.  Nelle regioni del Sud Italia si registra la situazione peggiore, visto che di obesità o di eccesso di peso corporeo soffrirebbe ben il 35% della popolazione giovanile.

L'obesità in età pediatrica continua ad essere un campanello d'allarme che i genitori non dovrebbero mai smettere di sottovalutare in quanto, molte volte, è legata al verificarsi di spiacevoli episodi di bullismo che, in alcuni casi, si manifestano già intorno ai 6 anni d'età.

Il sovrappeso nei primi anni di vita rappresenta anche un ulteriore fattore di rischio per i disturbi del comportamento alimentare sia in fase adolescenziale che anche prima di essa. Non da ultimo, l'obesità infantile è un predittore certo di quella adulta; proprio per questo motivo è importante avviare, sin dalla giovane età, specifiche campagne di prevenzione e, nei casi conclamati, intervenire sulla patologia con un trattamento che preveda un approccio integrato psiconutrizionale e familiare. 

Secondo recenti studi e ricerche svolte in materia, a generare questo triste primato sarebbero soprattutto errati stili alimentari: è un dato conclamato che nel nostro Paese l'8% dei bambini salti quotidianamente la prima colazione e il 33% ne faccia una inadeguata in termini di corretta assunzione di carboidrati e proteine condizionando così, in modo negativo l'equilibrio calorico degli altri pasti della giornata. 

Ecco svelato il motivo per cui a metà mattina, il 53% del campione di adolescenti intervistati, ha dichiarato di fare una merenda troppo abbondante e ricca di grassi saturi, mentre il 20% dei loro genitori ha affermato che i propri figli non consumano regolarmente frutta e verdura, mentre preferiscono bere bevande zuccherate o gassate

Un altro fattore determinante nel significativo aumento del peso corporeo dei bambini è dovuto anche alla loro scarsa attività fisica: quasi un bimbo su cinque e su adolescente su 6 durante la settimana non pratica in modo regolare alcun tipo di attività sportiva ne tanto meno giochi di movimento, quando invece le linee guida per una vita salutare parlano di svolgere almeno un'ora al giorno di attività motoria. L'attitudine alla sedentarietà è rafforzata inoltre dall'uso prolungato dello smartphone e dei social media.

Sebbene la battaglia contro l'obesità infantile sia ancora lontana dall'essere vinta del tutto, va constato che qualche piccolo progresso nel nostro Paese è stato compiuto infatti, secondo i dati aggiornati al 2016 in Italia, in meno di dieci anni, i bambini obesi sarebbero diminuiti del 13% ma rimane ancora molto da fare per sconfiggere questa triste piaga sociale che rappresenta uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS