La cioccolata calda, una gustosa e irresistibile tentazione invernale.

Pubblicato in Eventi e novità

In queste fredde giornate invernali, la cioccolata calda è un irresistibile e gustosa tentazione che ci avvolge e riscalda con il suo gusto e aroma intenso, permettendoci di tollerare meglio le rigide temperature che incombono in questo periodo dell'anno. Ma dove nasce? E chi ha potuto gustare per primo questa squisita bontà in tazza?

Molto probabilmente le origini storiche della bevanda a base di cacao e latte, vanno fatte risalire ai Maya che, ai loro tempi, erano soliti preparare un intruglio chiamato "Xocoat" a base di semi di cacao tostati e macinati assieme ai fagioli, uniti ad acqua e pepe.

Anche se questa particolare ricetta inizialmente non riscosse molto successo in Europa, gli spagnoli, sempre più affascinati dalla sua mistura esotica, decisero di iniziare ad adeguarla ai propri gusti variandone il sapore da amaro e piccante a dolce, grazie all'aggiunta di una considerevole dose di zucchero e di scorze di frutta e aromi vari come vaniglia e cannella.

Ritenuta in seguito afrodisiaca, questa bevanda divenne molto presto di moda specialmente tra i nobili europei, a tal punto che un'antica leggenda attribuisce a Carlo V il possesso della ricetta segreta e definitiva, giunta poi ai giorni nostri ed infine resa semplice e di facile preparazione grazie alla presenza di due soli ingredienti: il cacao e il latte.

Si narra poi che furono gli inglesi a sostituire l'acqua con il latte, dando vita nel XVIII secolo alle prime Chocolate House, luoghi dove si poteva sorseggiare la cioccolata in tazza parlando tranquillamente di politica, scienza, filosofia e di cultura con gli altri clienti presenti. 

In Italia pare che la "bevanda degli dei" (così veniva definita la cioccolata in tazza) fu bevuta per la prima volta nel Seicento a Firenze, grazie a Francesco d'Antonio Corletti, un viaggiatore dell'epoca che la diffuse dopo un viaggio di ritorno dall'America.

La cioccolata calda è ormai sinonimo di inverno e dolcezza. Stringerla tra le mani ci rimanda immediatamente a paesaggi di montagna e/o natalizi; ma può essere anche gustata a colazione nella speranza che ci aiuti a cambiare in meglio la giornata, oppure a merenda magari seduti vicino al caminetto di una baita in montagna.  

 

Leggi tutto...

Storia e tradizioni della cucina veneta.

Pubblicato in Eventi e novità

L'enogastronomia del Veneto deve le sue principali caratteristiche alla particolare conformazione geografica del territorio e alla sua prestigiosa storia. 

La cucina veneta è caratterizzata da una vasta tipologia di piatti tipici di un'area geografica che abbraccia il mare, i laghi, la pianura e la montagna.

Riso, polenta, baccalà e fagioli: questi sono i quattro ingredienti cardine della cucina veneta, che vengono proposti in numerose varianti in tutti i menù dei ristoranti tipici.

Riso e Polenta: le basi della cucina veneta.

Venezia essendo stata una potenza commerciale nell'area mediterranea dell'Est, entrò in relazione con molti influssi e culture e fu il primo paese europeo ad usare spezie, riso, mais e molti altri tipi di frutta e verdura. Poichè le aree paludose della Pianura Padana erano adatte alla coltivazione del riso, nacquero presto diversi piatti che sono diventati con il passare del tempo un elemento fisso del menù veneto fino ad oggi.

Tra i piatti principali legati al riso, troviamo il "risi e bisi" e il risi e figadini, due minestre a base di piselli e carne di pollo; tra i risotti invece sono celebri quelli di pesce, a base di pollo, oppure quelli che hanno come ingrediente principale i fagioli e le lumache.

Per quanto riguarda invece la polenta, questa si prepara partendo dalla farina di mais, pianta che è giunta nel 1500 nella Repubblica Serenissima come imposizione locale ai coltivatori, nonostante i contadini fossero restii alla sua produzione. 

Pesce, verdura e altri piatti.

La pesca ha da sempre svolto un ruolo importante nel Veneto, questo è dovuto alla particolare posizione geografica della regione. Un pesce tipico e molto richiesto dalle persone è lo stoccafisso o il baccalà che viene servito sulle tavole venete tutto l'anno, come aperitivo, primo, secondo, accompagnato da salse, creme oppure dalla stessa polenta.

Il baccalà alla vicentina è preparato in diverse varianti che utilizzano principalmente il latte, le patate ed altre verdure: la parte che non cambia è la sua cottura che deve essere almeno di due ore.

Agli amanti del pesce, consigliamo di assaggiare inoltre il fritto misto (pesci, scampi e seppie, fritti in olio d'oliva e serviti con la polenta).

Intorno a questi punti fermi della gastronomia veneta, ecco tanti altri prodotti locali, apprezzati e molto diffusi.

Per prima cosa si ricordano i salumi, i formaggi e tutti i prodotti derivati dal latte, l'ottimo radicchio, gli asparagi e i fagioli.

La pasta e le spezie.

L'unica pasta tipica di questa regione è rappresentata dai bigoli, una sorta di spessi spaghetti realizzati con l'utilizzo di un torchio azionato a mano, la cui superficie è particolarmente ruvida ed adatta a trattenere i sughi.

Il fatto che Venezia sia stata un'importante Repubblica marinara, spiega la diffusione delle spezie, ampiamente utilizzate oggi n cucina e, nel passato, strumento per la conservazione degli alimenti: pepe e cannella, chiodi di garofano e uvette, sono diventate parte integrante di molti piatti, in tutte le provincie della regione.

Tutti questi elementi, autoctoni e d'importazione, svelano i motivi della varietà e del gusto di tutta la gastronomia del Veneto, forte di un sapore tradizionale che mai eccede nel dolce e nel salato.

I vini Veneti.

Il Veneto è una delle regioni italiane che produce il maggior quantitativo di vini, molti dei quali hanno ottenuto il marchio doc.

Tra i suoi prodotti più preziosi in ambito vitivinicolo si ricorda l'Amarone, il Bardolino, il Valpolicella e il Soave.

Per i bianchi, il Veneto può vantare uno dei vini spumante più gustosi e pregiati d'Italia, il Prosecco di Valdobbiadene, ed in particolare il Cartizze, dalla zona dove vengono coltivate le uve che danno vita a questo spumante ottimo per iniziare o concludere i pasti.

 

Leggi tutto...

Storia della Cucina Veneta

Pubblicato in Eventi e novità

Il Veneto si estende dalle Dolomiti fino al mare Adriatico attraversando territori con una conformazione geologica molto varia: dalle montagne alle colline, scendendo verso la Pianura Padana.

Tante varietà di paesaggi ed ambienti che sviluppano una biodiversità e, di conseguenza, la cucina veneta presenta un'ampia varietà di prodotti agroalimentari

I principali prodotti che caratterizzano i piatti di questa regione sono quattro: il riso, la polenta, il baccalà e i fagioli

Il riso, cucinato in quaranta differenti maniere, proviene dalle regioni arabe con cui la Repubblica di Venezia era in stretto contatto commerciale e si comincia a coltivarlo a partire dal 1500 nelle pianure del veronese, dove viene tutt'ora prodotta la qualità vialone, che ha un sapore particolare, dettato dalla natura del terreno alcalino in cui cresce e dalla acque calcaree: in queste condizioni i coltivatori limitano al massimo l'utilizzo di concimi chimici e di sostanze artificiali, e la salubrità del prodotto risulta davvero eccezionale.

Tra i piatti principali legati al riso, citiamo il risi e bisi e il risi e figadini, due minestre a base di piselli teneri e carne di pollo; tra i risotti sono celebri quelli di pesce, a base di pollo, oppure quelli che hanno come ingrediente principale i fagioli e le lumache.

La polenta, uno dei quattro cardini della cucina veneta, si ottiene dalla farina di mais, e viene servita come contorno con numerose pietanze venete.

Il mais è arrivato nella Repubblica Serenissima nel 1500 come imposizione locale ai coltivatori, nonostante i contadini fossero restii alla sua produzione.

Il baccalà o stoccafisso viene servito sulle tavole venete tutto l'anno, come aperitivo, primo, secondo, accompagnato da salse, creme varie oppure anche con la polenta.

Il baccalà alla vicentina è preparato in diverse varianti che utilizzano il latte, le patate ed altre verdure. 

Intorno a questi punti fermi della gastronomia veneta, esistono tanti altri prodotti tipici locali, molto apprezzati e diffusi.

Per prima cosa si ricordano i salumi, i formaggi e tutti i prodotti derivati dal latte, l'ottimo radicchio alla base di rinomate ricette, come il risotto al radicchio trevigiano

L'unica pasta davvero tipica di questa regione è rappresentata dai bigoli, una sorta di spessi spaghetti realizzati con l'utilizzo di un torchio azionato s mano, la cui superficie è ruvida ed adatta a trattenere i sughi.

Inoltre, il fatto che Venezia sia stata una Repubblica marinara, spiega la diffusione delle spezie utilizzate in cucina e nel passato anche strumento per la conservazione degli alimenti.

Pepe, cannella, chiodi di garofano e uvette, sono parte integrante di molti piatti, in tutte le provincie della regione.

Tra i dolci tipici della cucina veneta oltre alla torta sabbiosa, vanno ricordati gli zaletti alla veneziana, il cui nome richiama il colore giallo della farina utilizzata per la loro preparazione oppure la forma del gallo che viene spesso realizzata con la pasta. Un'altro dolce molto diffuso sono gli spiedini Golossei: in un bastoncino di legno vengono infilzati uno dopo l'altro fichi secchi, noci, albicocche precedentemente immerse nello zucchero caramellato. 

A differenza di quello che succede con alcuni piatti tipici di altre regioni d'Italia, la gastronomia del Veneto si può gustare solo in loco. Questo garantisce unicità e genuinità straordinarie. 

 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS