La cioccolata calda, una gustosa e irresistibile tentazione invernale.

Pubblicato in Eventi e novità

In queste fredde giornate invernali, la cioccolata calda è un irresistibile e gustosa tentazione che ci avvolge e riscalda con il suo gusto e aroma intenso, permettendoci di tollerare meglio le rigide temperature che incombono in questo periodo dell'anno. Ma dove nasce? E chi ha potuto gustare per primo questa squisita bontà in tazza?

Molto probabilmente le origini storiche della bevanda a base di cacao e latte, vanno fatte risalire ai Maya che, ai loro tempi, erano soliti preparare un intruglio chiamato "Xocoat" a base di semi di cacao tostati e macinati assieme ai fagioli, uniti ad acqua e pepe.

Anche se questa particolare ricetta inizialmente non riscosse molto successo in Europa, gli spagnoli, sempre più affascinati dalla sua mistura esotica, decisero di iniziare ad adeguarla ai propri gusti variandone il sapore da amaro e piccante a dolce, grazie all'aggiunta di una considerevole dose di zucchero e di scorze di frutta e aromi vari come vaniglia e cannella.

Ritenuta in seguito afrodisiaca, questa bevanda divenne molto presto di moda specialmente tra i nobili europei, a tal punto che un'antica leggenda attribuisce a Carlo V il possesso della ricetta segreta e definitiva, giunta poi ai giorni nostri ed infine resa semplice e di facile preparazione grazie alla presenza di due soli ingredienti: il cacao e il latte.

Si narra poi che furono gli inglesi a sostituire l'acqua con il latte, dando vita nel XVIII secolo alle prime Chocolate House, luoghi dove si poteva sorseggiare la cioccolata in tazza parlando tranquillamente di politica, scienza, filosofia e di cultura con gli altri clienti presenti. 

In Italia pare che la "bevanda degli dei" (così veniva definita la cioccolata in tazza) fu bevuta per la prima volta nel Seicento a Firenze, grazie a Francesco d'Antonio Corletti, un viaggiatore dell'epoca che la diffuse dopo un viaggio di ritorno dall'America.

La cioccolata calda è ormai sinonimo di inverno e dolcezza. Stringerla tra le mani ci rimanda immediatamente a paesaggi di montagna e/o natalizi; ma può essere anche gustata a colazione nella speranza che ci aiuti a cambiare in meglio la giornata, oppure a merenda magari seduti vicino al caminetto di una baita in montagna.  

 

Leggi tutto...

Il grande successo dei cibi superfood in Italia.

Pubblicato in Eventi e novità

In natura esistono dei cibi che possono aiutare l'uomo a vivere meglio e più a lungo. Questi particolari alimenti si chiamano Superfood e sono talmente ricchi di proprietà salutistiche da essere stati definiti super alimenti. Per la maggior parte si tratta soprattutto di frutta, bacche, spezie e semi che contengono numerosi principi attivi molto interessanti ed utili per la salute umana. La lista di questi alimenti è in continua evoluzione, in quanto la scienza alimentare scopre quasi ogni giorno nuovi principi antiossidanti e nutrienti contenuti dentro questi particolari cibi.

I superfood sono in grado ad esempio di contrastare l'invecchiamento cellulare, alcuni possiedono proprietà antitumorali, e altri ancora prevengono l'insorgere di malattie cardiovascolari e aiutano persone che soffrono di problemi della pressione arteriosa. Tutti questi effetti benefici sono ottenuti grazie alla presenza di antiossidanti, principi nutritivi e minerali di cui sono ricchi questi alimenti, ed è proprio per questo, che riscuotono sempre più consensi da parte della popolazione italiana, sempre più attenta a ciò che mangia e a quello che porta in tavola.

Ecco una breve presentazione di alcuni cibi superfood più studiati e attualmente conosciuti:

Mirtillo.

Possiede varie proprietà tra le quali le più importanti sono alcuni flavonoidi che aiutano a rallentare l'invecchiamento, prevenendo così i danni dei radicali liberi grazie alla loro potente azione antiossidante. Il mirtillo è inoltre famoso anche per il benessere degli occhi; durante la seconda guerra mondiale, i piloti della British Royal Air masticavano spesso mirtilli per migliorare la loro visione notturna durante i bombardamenti.

Melograno.

I suoi chicchi sono un'eccellente fonte di vitamine e minerali. Questo frutto contribuisce in poco tempo ad abbassare la pressione sanguigna e a ridurre lo stress ossidativo nelle persone sane. Favorisce inoltre la riduzione dell'accumulo di liquidi in eccesso, contrastando il senso di gonfiore e di pesantezza.

Barbabietola.

Anche la barbabietola rientra nei cibi superfood sia per le sue proprietà protettive del muscolo cardiaco, sia perchè abbassa la pressione sanguigna e la tendenza alla coagulazione del sangue nell'uomo. 

Cacao.

Alimento molto apprezzato per la sua grande capacità di ridurre il rischio di malattie cardiache, contribuendo ad abbassare la pressione sanguigna ed aumentare l'elasticità dei vasi sanguigni.

Tè verde.

Esercita la maggior parte dei suoi benefici attraverso i polifenoli soprattutto catechine. La sua assunzione favorisce una buona circolazione sanguigna, una riduzione del colesterolo in eccesso e a numerosi altri effetti cardioprotettivi e neuroprotettivi. 

Peperoncino.

Il peperoncino contiene una sostanza particolare chiamata capsaicina, nota per le sue proprietà dimagranti, che agisce riducendo lo stimolo dell'appetito, sia sull'aumento del metabolismo energetico verso l'utilizzo dei grassi piuttosto che dei carboidrati. 

Ginkgo Bilboa.

Nelle persone affette dalla forma secca di degenerazione maculare, contribuisce a migliorare la visione e la circolazione nell'arteria oftalmica.

Bacche antiage.

Sono dei piccoli e colorati frutti altamente nutrienti e ricchi di potenti antiossidanti in grado di ridimensionare l'azione dannosa dei radicali liberi che danneggiano le nostre cellule portando all'invecchiamento precoce e alle malattie degenerative. 

   

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS