La cioccolata calda, una gustosa e irresistibile tentazione invernale.

(0 Voti)

In queste fredde giornate invernali, la cioccolata calda è un irresistibile e gustosa tentazione che ci avvolge e riscalda con il suo gusto e aroma intenso, permettendoci di tollerare meglio le rigide temperature che incombono in questo periodo dell'anno. Ma dove nasce? E chi ha potuto gustare per primo questa squisita bontà in tazza?

Molto probabilmente le origini storiche della bevanda a base di cacao e latte, vanno fatte risalire ai Maya che, ai loro tempi, erano soliti preparare un intruglio chiamato "Xocoat" a base di semi di cacao tostati e macinati assieme ai fagioli, uniti ad acqua e pepe.

Anche se questa particolare ricetta inizialmente non riscosse molto successo in Europa, gli spagnoli, sempre più affascinati dalla sua mistura esotica, decisero di iniziare ad adeguarla ai propri gusti variandone il sapore da amaro e piccante a dolce, grazie all'aggiunta di una considerevole dose di zucchero e di scorze di frutta e aromi vari come vaniglia e cannella.

Ritenuta in seguito afrodisiaca, questa bevanda divenne molto presto di moda specialmente tra i nobili europei, a tal punto che un'antica leggenda attribuisce a Carlo V il possesso della ricetta segreta e definitiva, giunta poi ai giorni nostri ed infine resa semplice e di facile preparazione grazie alla presenza di due soli ingredienti: il cacao e il latte.

Si narra poi che furono gli inglesi a sostituire l'acqua con il latte, dando vita nel XVIII secolo alle prime Chocolate House, luoghi dove si poteva sorseggiare la cioccolata in tazza parlando tranquillamente di politica, scienza, filosofia e di cultura con gli altri clienti presenti. 

In Italia pare che la "bevanda degli dei" (così veniva definita la cioccolata in tazza) fu bevuta per la prima volta nel Seicento a Firenze, grazie a Francesco d'Antonio Corletti, un viaggiatore dell'epoca che la diffuse dopo un viaggio di ritorno dall'America.

La cioccolata calda è ormai sinonimo di inverno e dolcezza. Stringerla tra le mani ci rimanda immediatamente a paesaggi di montagna e/o natalizi; ma può essere anche gustata a colazione nella speranza che ci aiuti a cambiare in meglio la giornata, oppure a merenda magari seduti vicino al caminetto di una baita in montagna.