Ferragosto: storia di una festa millenaria.

(0 Voti)

Ferragosto è una delle più antiche ricorrenze d'Italia le cui origini affondano nel 18 a.C. e, come tante altre festività, è una miscela delle tradizioni pagane e cristiane. 

Il nome Ferragosto deriva dal latino feriae Augusti ( riposo di Augusto), in onore di Ottaviano Augusto, primo imperatore romano, da cui prende il nome il mese di agosto.

Questo mese era un periodo di riposo e di festeggiamenti istituito dall'imperatore stesso nel 18 a.C., che traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso che, nella religione romana, era il dio della terra e della fertilità.

In tutto l'Impero si organizzavano numerose feste e corse di cavalli, e gli animali da tiro, inutilizzati per i lavori nei campi, venivano adornati di fiori. Inoltre, era usanza che, in questi giorni, i contadini facessero gli auguri ai proprietari dei terreni, ricevendo in cambio una piccola mancia.

Questa ricorrenza fu presto assimilata dalla Chiesa cattolica: intorno al VII secolo, si iniziò a celebrare l'Assunzione di Maria, festività che fu fissata il 15 agosto.

La tradizione popolare della gita di Ferragosto nasce durante il ventennio fascista. A partire dalla seconda metà degli anni venti, nel periodo ferragostiano il regime organizzava centinaia di gite popolari, grazie all'istituzione dei Treni popolari di Ferragosto. L'iniziativa offriva la possibilità anche alle classi sociali meno abbienti di visitare le città italiane e di raggiungere le località marine o montane. 

Anche ai giorni nostri nella giornata dedicata all'Assunzione le zone di mare e montagna vengono prese d'assalto da milioni di persone che ripercorrono, con modalità e tempi diversi, questa tradizione partita durante il ventennio fascista.

Ovunque voi siate, al mare o in montagna, buone vacanze e buon Ferragosto a tutti voi!!