Dalle Dolomiti, il formaggio Piave DOP.

(0 Voti)

Il formaggio Piave D.O.P. nasce in provincia di Belluno, la parte più settentrionale del Veneto, dove troneggiano alcune tra le più famose e suggestive cime delle Dolomiti; dal Pelmo al Civetta, dal Cristallo all'Antelao, dalle Tofane alla Marmolada, montagne ai cui piedi si stendono antichi boschi e verdi vallate ricchi di pascoli e attraversata, in tutta la sua lunghezza, dallo storico fiume, di cui il più importante formaggio bellunese ne porta il suo nome. La montagna bellunese ha espresso, fin da tempi lontani, una naturale vocazione all'allevamento del bestiame da latte e alle produzioni lattiero casearie.

Nel 1872 a Canale d'Agordo, nasceva la prima latteria cooperativa turnaria del neonato Regno d'Italia, chiamata "Kasel" nel dialetto locale. L'idea di raggruppare i piccoli allevatori del paese per lavorare il latte a turno presso un casello unico, si impose durante quegli anni in ogni piccolo centro della montagna bellunese, contribuendo alla nascita delle locali tradizioni lattiero - casearie.

Le regole di lavorazione, tramandate nel tempo da generazioni di casari, sono arrivate ancora intatte ai giorni nostri. Prodotto ancora oggi nel pieno rispetto di quelle regole, questo formaggio racchiude in sè il sapore intenso e corposo che cresce con l'avanzare della stagionatura, conservando nel suo gusto, una nota particolare che lo rende davvero unico. 

Il formaggio Piave D.O.P.

E' un formaggio a pasta cotta, duro, che viene proposto nelle tre classiche stagionature, oltre ad una "Selezione" e un "Riserva":

  • fresco: stagionato dai 20 ai 60 giorni - morbido e delicato.
  • mezzano: stagionato dai 61 ai 180 giorni - dolce e saporito.
  • vecchio: stagionato oltre i 180 giorni - corposo e leggermente fruttato.
  • vecchio selezione oro: stagionato oltre 12 mesi - sapore pieno e struttura friabile. 

Ricco di calcio, fosforo e proteine nobili, il formaggio Piave D.O.P. risulta facilmente digeribile grazie ai fermenti lattici lipolitici e proteolitici che durante la stagionatura predigeriscono grassi e proteine.

Ottimo come piatto unico, nelle classiche versioni della cucina montana, come la polenta e il formai frit, o come ingrediente base di piatti raffinati della tradizione culinaria nazionale.

Allo scopo di tutelare i consumatori, viene marchiato su tutto lo scalzo e personalizzato con un'etichetta in carta seta per facilitarne la riconoscibilità al momento dell'acquisto.

Molti sono i premi vinti da questo formaggio, tra i quali si ricordano tra i più recenti:

  • Miglior formaggio stagionato agli Italian Cheese Adwards 2016.
  • Prodotto Eccezionale, premiato con tre stelle al Superior Taste Award 2016.
  • Migliore tra i Migliori tra i 300 formaggi partecipanti a CaseoArt - Trofeo San Lucio 2016.

Dopo aver ricevuto molti prestigiosi riconoscimenti in Italia e all'estero ed essere stato premiato come miglior formaggio italiano da esportazione, il Formaggio Piave vede riconosciuta e tutelata la sua qualità anche dalla Comunità Europea.