8 marzo: origini della Festa della Donna.

(0 Voti)

L' 8 marzo si festeggia la Giornata Internazionale della Donna o, più semplicemente, la "Festa della Donna".

Una giornata in cui ricordare le conquiste sociali e politiche delle donne, un'occasione per rafforzare la lotta contro le discriminazioni e le violenze, un momento per riflettere sui passi ancora da compiere.  

Ma dove nasce questa ricorrenza? 

La Giornata Internazionale della Donna nacque ufficialmente negli Stati Uniti il 28 febbraio del 1909. A istituirla fu il Partito Socialista Americano, che in quella data organizzò una grande manifestazione in favore del diritto delle donne al voto. Questo tema era già stato a lungo discusso negli anni precedenti sia negli Usa sia dai delegati del VII Congresso dell'Internazionale Socialista. 

Le manifestazioni per il suffragio universale si unirono presto ad altre rivendicazioni dei diritti femminili. Tra il novembre 1908 e il febbraio 1909 migliaia di operaie di New York scioperarono per giorni e giorni per chiedere un aumento del salario e un miglioramento delle condizioni di lavoro. 

Nel 1910 l'VIII Congresso dell'Internazionale Socialista propose per la prima volta di istituire una giornata dedicata alle donne. 

La festa dell'8 marzo rappresenta un evento internazionale, che per la prima volta fu istituzionalizzato in Russia. Infatti nel 1917 ci fu una forte protesta a San Pietroburgo da parte di numerose donne che chiedevano la fine della guerra. La protesta fu tale che da quel momento i Comunisti decisero di scegliere proprio la data dell'8 marzo per celebrare la Giornata Internazionale della Donna Operaia e quindi lottare affinché fossero garantiti maggiori diritti a tutte le lavoratrici. 

Le origini della Festa della Donna coincidono proprio con la storia di questi anni così caldi, ricchi di proteste e manifestazioni per ottenere il riconoscimento di maggiori diritti non soltanto nell'ambiente lavorativo, ma anche nella vita sociale. 

In Italia la storia della Festa della Donna inizia nel 1922, quando alcune attiviste politiche iniziarono a scendere in piazza come avevano fatto le altre donne in America e in Russia prima, e successivamente nel resto dell'Europa.

L'iniziativa iniziò a diffondersi, però, solo intorno al 1945, quando l'Unione Donne in Italia celebrò la Giornata della Donna nelle Città Italiane libere dal fascismo.

L'8 marzo del 1946, per la prima volta, tutta l'Italia ha ricordato la Festa della Donna ed è stata scelta la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, come simbolo della ricorrenza. 

Negli anni successivi la Giornata è diventata occasione e momento simbolico di rivendicazione dei diritti femminili e di difesa delle conquiste delle donne.