Il Pastin: specialità tradizionale bellunese.

(0 Voti)

Il pastin rappresenta un'importante tradizione della cultura gastronomica della Provincia di Belluno.

Conosciuto fin dal Medioevo, trova origine e profonda tradizione nelle giornate invernali dedicate alla macellazione del maiale, ancor oggi momento raro di festa per le comunità rurali che abitano i paesi delle Dolomiti Bellunesi.

Si tratta di un impasto artigianale fresco di carne di suino e bovino, con l'aggiunta di grasso (lardo), sale, pepe, spezie e aromi vari.

Ogni vallata della Provincia di Belluno ha la sua ricetta segreta: c'è chi lo presenta in modo semplice, con l'impasto del salame non stagionato e chi, come in Val di Zoldo, lo arricchisce con la conza (condimento) a base di infuso di vino bianco, aglio e spezie. 

La sua preparazione prevede l'utilizzo di varie parti di carni magre e grasse che vengono tritate e mescolate con aglio, sale, pepe, chiodi di garofano, cannella , vino, altre spezie e talvolta erbe alpine.

L'impasto aromatizzato  viene successivamente tritato con l'utilizzo di tritacarne con fori di diametro variabile a seconda delle differenti consuetudini e quindi insaccato nei budelli.

Il prodotto, da consumare fresco, viene conservato nei banchi frigoriferi delle macellerie in modo sfuso (all'interno di bacinelle), oppure all'interno di pellicole per alimenti che ne facilitano le operazioni di taglio e di servizio al consumatore.

La conservazione avviene a temperatura non superiore a 4°C. Il prodotto si può reperire durante tutto l'anno presso le macellerie del territorio bellunese. 

Consumato crudo oppure cotto alla griglia o in padella, il "pastin" si adatta ad essere mangiato anche su un panino caldo farcito solitamente con formaggio, peperoni, cipolla e varie salse a proprio piacimento.

Nel mese di novembre, la città di Belluno dedica ogni anno al "pastin" una frequentatissima sagra, dove questa prelibatezza locale viene servita come companatico di succulenti panini, oppure in graticola con la polenta, ma anche proposto in elaborati piatti di alta cucina dai vari cuochi dei ristoranti cittadini. 

Il "pastin", come altri prodotti tipici della Provincia di Belluno, è iscritto nell'elenco dei Prodotti Alimentari Tradizionali (PAT) del Veneto e rientra fra i prodotti della Strada dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi e nella Carta Qualità del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. 

 

 

 

Etichettato sotto :